Languages Englishrussian/русскийespañol Social FacebookTwitterico yInstagram

Percorso

CRT - Dossier - Studi e ricerche produzione e mercato

2016

Seminario  "Agricoltura e api, criticità e opportunità, focus sul settore sementiero"

dalla giornata di lavoro del 17 settembre 2016 a Castel San Pietro Terme - Teatro Cassero

Il seminario è stato particolarmente produttivo per l'approfondimento svolto e il percorso avviato: 
Apicoltori, agricoltori e industria sementiera, con il supporto dei Servizi Fitosanitari del Ministero e della Regione Emilia-Romagna verso un accordo interprofessionale per preservare le api, sostenere l'impollinazione delle colture a seme e per garantire la redditività dell'attività di impollinazione. La partecipazione attiva del Vice Ministro Andrea Olivero e dell'Assessore Regionale agricoltura Emilia-Romagna, Simona Caselli ha oggettivamente agevolato il percorso per il raggiungimento dell'obiettivo ambizioso posto dall'Osservatorio, quello di realizzare nel settore sementiero un esempio concreto di collaborazione per una agricoltura più sostenibile e, quindi più compatibile con la presenza attiva delle api. Prossima tappa la riunione de tavolo regionale Emilia-Romagna verso l'accordo, poi si lavorerà a livello nazionale con il coordinamento del Ministero.

Relazioni:

Giorgio Baracani 

Associazioni apicoltori Emilia-Romagna

Criticità e opportunità nel settore sementiero in Emilia-Romagna

Edmo Tersi
Segretario Consorzio agricoltori moltiplicatori semenzieri (COAMS)

Apicoltura e agricoltura, una sinergia indispensabile

Alberto Masci

Servizio fitosanitario Mipaaf

Le strategie del MIPAAF per una difesa fitosanitaria improntata alla sostenibilità

Stefano Boncompagni

Direttore Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Esperienze positive e criticità aperte

 

2015

Qualità e mercato dei mieli, opportunità e criticità

dal convegno del 25 ottobre 2015 presso Apimell Expo Special Edition - Piacenza

ConvegnoApimelExpo2015Oltre trenta mieli uniflorali e una infinità di millefiori di alta qualità fortemente caratterizzati nei territori di produzione. L’Italia dispone di un patrimonio di mieli unico al mondo reso possibile per la variabilità climatico-vegetazionale del nostro territorio e per il livello di professionalità raggiunto dall’apicoltura nazionale. Tale ricchezza costituisce una grande opportunità di ulteriore sviluppo del settore ma siamo ben lontani dal vedere riconoscere il valore di questa produzione a causa della frammentazione produttiva, dei meccanismi di mercato e delle conseguenti difficoltà di promozione dei mieli e del commercio internazionale che non tutela a sufficienza la tracciabilità e la qualità.
Interventi:

Giancarlo NaldiMieli italiani, come valorizzare un patrimonio unico al mondo

Lucia Piana - Il miglioramento della qualità dei mieli italiani e le insidie sul mercato, vent’anni di monitoraggio dell’Osservatorio

Francesco Panella - Qualità dei mieli e mercato, opportunità e prospettive, il parere delle associazioni nazionali apistiche

Roberto Barbero - Il percorso verso la qualità del miele visto dal produttore

Giancarlo Quaglia - Evoluzione dei metodi analitici per individuare e combattere contraffazioni e adulterazioni

Gianluigi Marcazzan - Evidenze tecnico-scientifiche dal workshop di CREA-API sulle frodi

 


Seminario "Scienza e tecniche per la sostenibilità in agricoltura"

dalla giornata di lavoro del 19 settembre 2015 a Castel San Pietro Terme

Seminario sett2015 copertinaIl diritto/dovere alla difesa fitosanitaria delle colture agricole va compreso in quanto necessario alla produzione di alimenti. Ciò premesso occorre precisare che nell’interesse dell’agricoltore stesso, dell’ambiente e dei consumatori, tale difesa deve essere realizzata nell’ambito di pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale e salutistico e con l’impiego di molecole che non siano dannose per l’ambiente e per la salute umana. Le api rappresentano uno strumento formidabile per la lettura dei fenomeni riguardanti le criticità che l’impiego della chimica in agricoltura determina. In tal senso l’esame di questi fenomeni consente di comprendere i fattori di rischio per il settore produttivo apistico e, allo stesso tempo, di misurare la dannosità di certe pratiche al fine di individuare azioni di difesa alternative improntate alla sostenibilità. Mettere assieme quindi la lettura dei fenomeni in campo, così come vengono rilevati attraverso il progetto BeeNet Spia, e le esperienze di ricerca raccolte ai massimi livelli riguardo la documentazione di tali criticità e l’individuazione di pratiche alternative, tutto ciò non risponde più ai meri interessi, pur legittimi dell’apicoltura bensì all’interesse generale e agricolo di individuare e diffondere la miglior pratica per produrre in modo sano e sostenibile. Il seminario è, infatti, finalizzato alla diffusione delle migliori pratiche agronomiche per la sostenibilità ambientale dell’agricoltura e alla formazione di tecnici nei diversi profili professionali all’altezza delle odierne sfide protagonisti del settore, sia come promotori delle pratiche sia come valutatori dell’insorgenza di criticità. In tal senso, agronomi, fitopatologi, veterinari, esperti apistici sono i principali destinatari dell’iniziativa formativa.

Documenti disponibili:

Programma

Sintesi dei lavori del seminario

Intervento di Giancarlo Naldi

Intervento di Alberto Contessi

Intervento di Claudio Porrini

Intervento di Teresa Renzi e Fabio Sgolastra 

Intervento di Graziano Vittone

Intervento di Carlo Duso

Intervento di Lorenzo Furlan

Intervento di Lucia Zappalà

Intervento di Roberto Ferrari

Intervento di Laura Bortolotti

Intervento di Franco Mutinelli


Sintesi dei recenti documenti EFSA sulla valutazione del rischio degli insetticidi neonicotinoidi nei confronti delle api

Sintesi e traduzione a cura della dott.ssa Teresa Renzi (Università di Bologna)

Introduzione

Nell’ambito della revisione dei prodotti fitosanitari prevista dal Regolamento Europeo 1107/2009, l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha ricevuto l’incarico dalla Commissione Europea di valutare il rischio associato all’impiego in agricoltura di tre insetticidi neonicotinoidi, imidacloprid, thiamethoxam e clothianidin, ritenuti particolarmente pericolosi per le api. Il lavoro affrontato dall’EFSA è stato articolato in una prima parte, portata a termine nel 2013, relativa all’uso di questi principi attivi nella concia delle sementi o per la protezione del seme, sotto forma di prodotti granulari. Gli esiti di questa prima valutazione hanno contribuito in maniera decisiva alla sospensione di alcuni usi di questi prodotti sancita dal Regolamento 485/2013. Alla fine di Agosto del 2015, EFSA ha pubblicato i report relativi alla valutazione del rischio di tutti gli altri usi autorizzati dei tre neonicotinoidi presi in esame, fornendo un quadro più completo dei possibili rischi per le api domestiche e gli altri apoidei.

Per richiedere l'intero documento inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

2014

Seminario "Dal greening della politica agricola comune al rapporto chimica-agricoltura"

dalla giornata di lavoro del 20 settembre 2014 a Castel San Pietro Terme

Tavola rotonda (cliccare sui nomi per scaricare l'intervento)  

GIANCARLO NALDI
Presidente Osservatorio Nazionale Miele


FRANCESCO PANELLA
Unaapi


TIBERIO RABBONI

Assessore Agricoltura, Regione Emilia-Romagna


PAOLO DE CASTRO

Parlamentare europeo, presidente Gruppo PD-PSE
alla Commissione agricoltura e sviluppo rurale


ANDREA OLIVERO
Vice Ministro, Ministero politiche agricole, alimentari e forestali

Seminario (cliccare sui nomi per scricare l'intervento)

ROBERTO BARBERO
Vice Presidente Osservatorio Nazionale Miele

GIORGIO FEDRIZZI
IZSLER–Reparto chimico degli Alimenti–Bologna

MARCO LODESANI
Direttore Cra-Api

FABIO SGOLASTRA
Università di Bologna-Dipsa

MARCO PORPORATO
Università di Torino–DISAFA. Commissione Apistica Regionale

MASSIMO BARISELLI
Regione Emilia-Romagna

GABRIELLA MARTINI
Ausl di Imola

FRANCO MUTINELLI
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

FRANCO ZINONI
Direttore tecnico, Arpa Emilia-Romagna

Conclusione seminario e tavola rotonda sul tema “Agricoltura e sostenibilità” il greening della PAC e il rapporto chimica-agricoltura

Castel San Pietro Terme, 20 settembre 2014

La giornata è stata produttiva sotto il profilo dell'attività di formazione con la partecipazione di 96 Tecnici con diversi profili professionali (veterinari – fitopatologi – entomologi – agronomi ecc. al seminario accreditato ECM). Un'attività quanto mai aggiornata sulle criticità in essere, si pensi all'intervento del dr. Mutinelli sulla Aethina tumida, un'intervento nemmeno previsto in quanto al momento della progettazione del seminario non avevamo la percezione dell'importanza di questa nuova emergenza.

Dalle relazioni e anche dalla presentazione del numero della rivista Ecoscienza, dedicato al tema, è emerso un quadro completo delle criticità vecchie e nuove che abbiamo di fronte e che la scienza ha documentato in modo inoppugnabile.

Così come emerge anche un insieme importante di "rimedi", attenzioni e percorsi che vanno intrapresi nella strada della sostenibilità e della compatibilità fra le diverse attività del comparto agricolo.

Portare questi temi, in modo così documentato alle istituzioni di livello regionale, dello Stato e dell’Europa costituisce il passo obbligato per chiedere interventi adeguati alla portata dei danni che si stanno registrando e dei dei rischi che si stanno correndo.

L'Osservatorio Nazionale Miele ha raccolto tutte le presentazioni, ha provveduto a fare un resoconto degli interventi istituzionali, realizzati senza il ricorso a presentazioni scritte.

Il tutto è pubblicato in questa pagina.

Provvederemo anche alla divulgazione di questo materiale prezioso a tutti i naturali portatori d'interesse quali le Regioni, i Ministeri coinvolti, i centri di ricerca ecc.

Provvederemo inoltre ad elaborare un documento schematico con il quale proseguire il confronto per ottenere i provvedimenti necessari al raggiungimento di soglie più elevate di sostenibilità e la salvaguardia della vita attiva degli impollinatori.

Cogliamo con piacere le disponibilità ed anche le sfide lanciate dal Vice Ministro Andrea Olivero riguardo il ruolo dell’apicoltura nel monitoraggio delle azioni ambientali della PAC e accettiamo l’invito a far sì che API, MIELI e BIODIVERSITA’ siano presenti a EXPO 2015.

Progetto e testi Giancarlo Naldi


2013

Seminario "Agricoltura sostenibile e determinazione del rischio da pesticidi per gli impollinatori, conoscenza scientifica e provvedimenti urgenti"

Castel San Pietro Terme - settembre 2013

Obiettivo del seminario è stato diffondere e condividere gli elementi di conoscenza acquisiti, di promuovere le tecniche di difesa fitosanitarie più compatibili e contribuire alla necessaria assunzione di responsabilità delle istituzioni nell’impiego della chimica in agricoltura.

Documenti disponibili:

Programma

Sintesi dei lavori del seminario

Intervento di Lucia Piana

Intervento di Giorgio Fedrizzi

Intervento di Giovanni Guido

Intervento di Claudio Porrini

Intervento di Lorenzo Furlan

Fonte
Osservatorio nazionale miele


Indagine conoscitiva dati produttivi aziende apistiche italiane anno 2012

Relazione illustrativa delle attività e dei risultati conseguiti con l'indagine svolta dall'osservatorio nazionale miele sui dati produttivi 2012.

autore
Giancarlo Naldi

Fonte
Osservatorio nazionale miele

Download documento 

giugno 2013


Apicoltura italiana, evoluzione in corso

Sintesi divulgativa con valutazione dei processi  in corso nel settore apistico italiano.

autore
Giancarlo Naldi

fonte
Elaborazioni Osservatorio nazionale miele, fonti bibliografiche diverse

Download documento

Giugno 2013


LA QUALITÀ' OGGETTIVA DEI MIELI ITALIANI

Rappresentazione commentata dei risultati ottenuti con un'attività straordinaria di monitoraggio della produzione italiana sul piano della qualità e salubrità.

autori
Giancarlo Naldi e Lucia Piana

fonti
ricerche condotte da Osservatorio nazionale miele in collaborazione con Piana Ricerca, Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia ed Emilia-Romagna, Istituto Zooprofilattico di Lazio e Toscana, Arpa Emilia-Romagna.

Download documento

giugno 2013


Logiche e strategie per la valorizzazione dei mieli italiani

Esame delle potenzialità e dei fattori limitativi ad una piena valorizzazione dei mieli italiani.

autore
Giancarlo Naldi

Ricerca Osservatorio nazionale miele realizzata in collaborazione con Green Menagement Institute

Download documento

Gennaio 2013


Mieli italiani di qualità'
analisi dei canali distributivi

Sintesi divulgativa  sul rapporto miele e mercato in Italia


autori
Francesco Bertolini e Giancarlo Naldi
Maggio 2013