I centri di riferimento tecnico sono stati istituiti nel 2010 dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell’ambito del programma nazionale apistico varato ai sensi della L. 313/2004
In relazione ai servizi di assistenza tecnica specialistica sono stati attivati i seguenti centri di riferimento tecnico (CRT):

  • A.1 Centro di riferimento tecnico (CRT) per gli inquinanti nella pratica apistica e le problematiche ambientali e nutrizionali.
  • A.2 Centro di riferimento tecnico (CRT ) per lotta alle patologie apistiche, con particolare rilievo alle specifiche problematiche connesse alla gestione degli allevamenti secondo i metodi dell’apicoltura biologica.
  • A.3 Centro di riferimento tecnico (CRT) per le dinamiche di mercato e produttive.
  • A.4 Centro di riferimento tecnico (CRT ) per la salvaguardia dell’Apis mellifera ligustica e sicula.

I centri di riferimento tecnico (CRT) sono strumenti di aggregazioni di aspetti tecnici, organizzativi e scientifici sull’apicoltura per l’erogazione di servizi specialistici di assistenza tecnica in apicoltura. Per l’organizzazione e strutturazione di tali poli di riferimento tecnico ci si avvale dell’esperienza e dell’efficienza delle Unioni, Federazioni, Organizzazioni ed Associazioni di apicoltori, operanti a carattere nazionale.
La caratterizzazione dei CRT è tecnico-formativa; il CRT di cui all’azione A3 “Centro di riferimento tecnico (CRT) per le dinamiche di mercato e produttive.” ha, diversamente una caratterizzazione principalmente economico-produttiva.
Le principali voci d’informazione del CRT “Dinamiche di mercato e produttive” sono:

I numeri dell’apicoltura italiana: